fbpx
Home Eventi LA LEGGENDARIA ALPE DELLA LUNA – Badia Tedalda

LA LEGGENDARIA ALPE DELLA LUNA – Badia Tedalda


    • LUNGHEZZA  15 KM
    • DISLIVELLO 1.000MT
    • DIFFICOLTA’ EE
    • LIVELLO MEDIO/DIFFICILE
    • DURATA  7 ORE

“Quando la Luna sembra appoggiata sull’Alpe, se uno potesse toccarla, tutti i suoi desideri sarebbero esauditi.”

Nel Medioevo Badia Tedalda era dei signori Conti di Montedoglio e di Chiusi, i quali diedero il castello in enfiteusi ad ordini religiosi.

Capitava però, che questi signori tornassero a volte a far visita ai propri possedimenti e, durante tali periodi di visita, organizzavano feste alle quali erano invitati tutti i signori dei castelli vicini.
In una di queste feste, Manfredi, figlio del Conte, conobbe Rosalia, figlia dei signori di Colcellalto, una casata noblie di minor importanza rispetto a quella a cui apparteneva Manfredi.
I due giovani si innamorarono subito: un colpo di fulmine!
Così Manfredi tornava più e più volte a far visita al suo castello per poter incontrare la sua amata. Ma, ahimé, il loro amore non era approvato dai Conti di Montedoglio, che non potevano in alcun modo tollerare l’unione del figlio con una giovane appartenente ad una casata ritenuta non all’altezza del loro nome.
Imperterriti i due innamorati continuano a frequentarsi e ad amarsi al punto che un giorno Manfredi dice alla sua Rosalia di voler tentare l’impresa di prendere i tesori che erano nascosti sull’Alpe così da diventare talmente tanto ricchi da poter vivere la loro vita senza ostacolo alcuno.
Rosalia, spaventata, dice al suo Manfredi che nessuno ha mai fatto ritorno da questa impresa impossibile: “L’Alpe è della Luna! Tutti i suoi tesori appartengono a lei. A nessuno è concesso appropriarsene!”. Ma Manfredi, ostinato, non demorde e…
Come finirà la storia di amore tra Rosalia e Manfredi? Perchè esistevano dicerie sui tesori dell’Alpe? E da cosa deriva il nome Alpe della Luna?


Punti d’interesse:

Ripa della Luna – Leggenda – Grotta della Tabussa –  Aglio Orsino


Attrezzatura richiesta:

Scarpe da trekking  – Acqua (almeno 1 lt) – Abbigliamento comodo a strati adeguato alla stagione –  Zaino e coprizaino – Impermeabile –  Snack – Pranzo a sacco – un cambio completo da tenere in auto può sempre essere utile. 

Dispositivi di protezione individuali per emergenza COVID:

mascherine – GEL disinfettante 


In evidenza: L’escursione sarà effettuata solo se il colore della Toscana sarà giallo.

 


*Prezzo: 15€ 

Polizza infortuni giornaliera inclusa

Evento a numero chiuso

Prenotazione obbligatoria entro le ore 18 del giorno precedente all’escursione registrandosi  QUI

 

oppure scrivendo a:

Email: info@sentieridiieri.it

Whatsapp: 339.2990583

specificando nome, cognome, indirizzo, codice fiscale, numero di telefono ed email di ogni partecipante.

In fase di iscrizione saranno forniti orario e punto di ritrovo.

Bambini: l’itinerario non è adatto ai bambini al di sotto dei 12 anni

Cani: solo se tenuti al guinzaglio


Guida:  Medelin


Il prezzo include:

Organizzazione e coordinamento delle attività;

Guida Ambientale Escursionistica abilitata ai sensi della L. R. n° 86/2016 e successive modifiche;

Polizza infortuni giornaliera per i partecipanti.


Il prezzo NON include:

Trasporto

Pasto

Quanto non specificato nella dicitura “Il prezzo include”

La Guida si riserva la facoltà di modificare l’itinerario in funzione delle condizioni meteo.


ATTENZIONE!  LE NOSTRE GUIDE AMBIENTALI SI ATTERRANO ALLE LINEE GUIDA DETTATE DALLA REGIONE TOSCANA IN MATERIA DI EMERGENZA SANITARIA COVID-19. 

Prima di iscriverti, leggi il nostro Protocollo COVID-19

 


PRENOTATI

 

Data

27 Giu 2021
Expired!

Ora

09:00 - 17:00

Costo

15€

Luogo

BADIA TEDALDA
Categoria
Sentieri di ieri - Medelin

Organizzatore

Sentieri di ieri - Medelin
Telefono
3392990583
Email
info@sentieridiieri.it

Other Organizers

Pro Loco Badia Tedalda
Telefono
0575714014
Email
info@prolocobadiatedalda.it

Speaker

  • Medelin Rossi
    Medelin Rossi
    Guida ambientale escursionistica

    Amo la natura e i luoghi di silenzio, dove viene permesso alla mente di vagare libera e dare il meglio di sé, della propria creatività, delle proprie riflessioni, dei propri pensieri, dove le paure possono trasformarsi in qualcosa di bello e la percezione del reale e del bello assume connotati diversi dai contesti di consueta e folle quotidianità. Voglio riscoprire il valore del silenzio, della riflessione, della lentezza e dell’equilibrio che accompagnavano la vita dei nostri nonni e bis nonni che, pazientemente, attendevano e seguivano i ritmi naturali della terra. Vorrei guidare ed essere guidata alla ricerca di questi luoghi dimenticati, colmi di storie di uomini e donne, bagaglio umano di inestimabile pregio.